A cura di Ermanno Eandi

Ricorre quest’anno  il trecentosessantesimo anniversario della fondazione del Corpo dei Granatieri.

Era infatti il 18 aprile 1659 quando il Duca di Savoia Carlo Emanuele II, nel quadro della riforma degli apparati dello Stato, “levò” il primo Reggimento d’ordinanza della sua Armata Sabauda: chiamandolo “nostro”, ponendolo primo nell’ordine di precedenza tra i suoi Reggimenti ed assicurando al personale, in esso inquadrato, privilegi; rafforzò così il concetto di aver voluto creare una “istituzione” permanente al suo diretto servizio e del suo Ducato.

Nel corso dei 360 anni sono  mutate  la forma istituzionale dello Stato: Ducato di Savoia, Regno di Sardegna, Regno d’Italia, Repubblica Italiana e le strutture ordinative dell’Unità: Reggimento Guardie, Brigata Guardie, Brigata Granatieri Guardie, Brigata Granatieri di Sardegna, ma nulla è cambiato nello spirito degli uomini che nel corso dei secoli hanno militato tra le fila dei Reparti Granatieri, i quali, operando con onore militare e ferrea disciplina e all’ombra della Bandiera simbolo dello Stato, sono sempre rimasti fedeli alle parole del Duca fondatore: “Tanto eseguite e che Dio nostro vi conservi”.

A Roma

Per l’occasione 10 aprile  alle ore 11.00 presso Museo Storico dei “Granatieri di Sardegna” . in Piazza di S. Croce in Gerusalemme, 7/8,  sarà inaugurata la mostra: “In principio era il Reggimento di Guardia” , curata dal Generale Ernesto Bonelli organizzata  dall’Associazione nazionale Granatieri di Sardegna, in collaborazione con la Direzione del Museo Storico dei “Granatieri di Sardegna” e con l’ausilio di Collezionisti privati.

La mostra, che terminerà 30 giugno 2019, ha lo scopo di presentare, attraverso l’esposizione di documenti, cimeli, uniformi che hanno caratterizzato la vita del Corpo, il percorso storico – ordinativo del Reggimento dalla fondazione al compimento dei 250 anni (1909) e voler evidenziare la “primogenitura” dello stesso rispetto alle Unità permanenti più antiche e durature dell’Esercito e delle Istituzioni Militari Italiane.

A Torino

La capitale sabauda è il luogo di nascita del glorioso corpo e per il 360° anniversario sono previste molte attività che si terranno il 16 aprile, ecco il programma dettagliato

  • ore 10.40: saluto del Presidente nazionale ANGS alla Bandiera di Istituto del Comando per la Formazione  e Scuola di Applicazione dell’ Esercito;
  • ore 10.50: Santa Messa in suffragio dei Granatieri di Sardegna Caduti in pace ed in guerra, presso il Comando per la Formazione  e Scuola di Applicazione dell’Esercito ed incontro con gli Ufficiali, Sottufficiali e Volontari dei Granatieri di Sardegna, in servizio fuori Corpo, nella Città di Torino;
  • ore 11.20 – 11.40: trasferimento, individuale,  presso la Piazzetta Reale;
  • ore 11.50 – 12.15: Commemorazione, nella Cripta del Palazzo Reale, del 360° Anniversario della Fondazione del Corpo, da parte del Presidente nazionale ANGS   e onori al Duca Carlo Emanuele II, ivi tumulato, con servizio di onore, in uniforme sociale da cerimonia, da parte del Centro regionale ANGS  Piemonte;
  • ore 12.20 – 13.30:  accesso all’Archivio di Stato,  in Piazzetta Mollino, ove sarà esposto l’Editto di Fondazione del Corpo, nonché pregiati documenti afferenti alla storia dei Granatieri di Sardegna.

2 thoughts on “360° ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DEI GRANATIERI DI SARDEGNA”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *