Di Lorenzo Ciravegna

Un anno molto intenso, per il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco che ha  subito la tragedia di Quargnento (Alessandria) in cui sono morti tre pompieri, altri due sono rimasti feriti e con loro anche un Carabiniere. 

Una cicatrice indelebile che è stata ricordata in occasione dei festeggiamenti per L’Ottantesimo Anniversario della Fondazione del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco e della Patrona Santa Barbara che da sempre rappresenta la capacità di affrontare il pericolo, con coraggio, anche quando non c’è via di scampo.

La cerimonia si è svolta, presso il Comando dei Vigili del Fuoco a Torino, alla presenza della massime autorità Civili e Militari. 

Ha fatto gli onori di casa, il Direttore della Direzione Regionale dei Vigili del Fuoco del Piemonte Ing. Antonio La Malfa, che ha reso omaggio ai caduti accompagnato dal Prefetto di Torino Claudio Palomba, il Comandante Provinciale dei Vigili del Fuoco di Torino, Ing. Marco Frezza e la Sindaca di Torino Chiara Appendino

Successivamente si è svolta la funzione religiosa con il Cardinale Severino Poletto Arcivescovo emerito di Torino e la consegna delle onorificenze ai Vigili del Fuoco che si sono distinti per particolari atti di benemerito.

Il Comandante Provinciale dei Vigili del Fuoco di Torino Ing. Marco Frezza ha dichiarato “Voglio rivolgere un augurio di buona festa a tutti i Vigili del Fuoco d’Italia e volgere un pensiero particolare alle famiglie e ai 3 Vigili del Fuoco che hanno perso la vita un mese fa in un terribile agguato a  Quargnento in provincia di Alessandria.” 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *