di Ermanno Eandi

Claudio Micalizzi ha un volo dolce che sprigiona grazia e spiritualità.

Sorride, si siede accanto a me si presenta “Io perseguo un filone che è quello della creatività, dell’espressione e della ricerca di esprimere l’interiorità dell’anima delle persone”

Lei per le sue ricerche ha creato una realtà che si chiama Anma: cosa significa?

Anma in giapponese vuol dire  massaggio, cioè un trattamento del corpo tipicamente orientale, noi non svestiamo le persone, non usiamo oli, ma è un trattamento fatto con piccoli tocchi e piccole pressioni, per permettere al corpo di guarire se stesso”

In quanti siete?

“Siamo in quattro Dario Gallo, Caterina D’angelo, Viviana Siberino ed io”

Quali sono i vostri obbiettivi?

“Creare uno spazio dove le persone possono trovare la capacità di curare se stessi utilizzando la chiarezza mentale di dire: io devo occuparmi di tutti i miei piani mentali, piani fisici e spirituali

Mica poco! Può essere più specifico?

“Abbiamo una palestra, quindi movimento fisico; teniamo delle conferenze, quindi informare le persone; abbiamo due studi dove poter fare trattamenti e una saletta per la meditazione e riflessione”

Cosa serve e chi si occupa della meditazione?

“Serve per essere più vicini alla nostra origine, unospazio assolutamente da conoscere e da indagare. La meditazione è condotta da Dharma Ghyaltsen  che grazie  alla pratica della Samathá (Sama – pace; Tha – dimora), fa sperimentare il controllo dei processi mentali ed il risveglio delle capacità superiori della mente, giungendo all’ottenimento del “dimorare nella pace”. Questa meditazione (che è notoriamente considerata l’essenza delle meditazioni di alto livello) è guidata ed esposta nel pieno rispetto di ogni stadio di sviluppo spirituale e ad ogni tipo di mente”

Perché è importante la meditazione?

Per trovare la strada dritta, che ci porta verso noi stessi. Il divino è dentro di noi, lo cerchiamo ovunque ma lui che ci ascolta da dentro, perché siamo una lacrima del divino che si incarna nel nostro corpo, e noi abbiamo un compito: partire da questa lacrima per farla diventare un sorriso del divino”

Dopo aver conosciuto  l’anima di Claudio Micalizzi non ci resta che andare all’Associazione Anma  in Via Cibrario,14 a Torino per vivere a fondo la nostra spiritualità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *