Conte, una decisione difficile ma necessaria

Di Ermanno Eandi

Dopo l’impennata di decessi e contagi nella nostra nazione, si è arrivati alla soluzione più drastica, chiudere tutto tranne l’indispensabile.

Italian Prime Minister, Giuseppe Conte, attends a press conference at the end of the Council of Ministers for the Coronavirus emergency at the Palazzo Chigi in Rome, Italy, 05 March 2020. ANSA/ANGELO CARCONI

Ieri sera il presidente del Consiglio Giuseppe Conte  afferma: ” Questa è la crisi più grave dal secondo dopoguerra. Rallentiamo il motore produttivo dell’Italia, ma non lo arrestiamo. Rallentiamo tutto per ripartire con più slancio, il Governo interverrà con misure straordinarie che ci consentiranno  di rialzare la testa quanto prima. Quello che chiediamo è un sacrificio durissimo sia  per la libertà individuale che per l’economia del paese, ma siamo obbligati a chiudere in tutto il territorio nazionale ogni attività produttiva non necessaria, cioè non indispensabile a garantirci beni e servizi essenziali“.

Quindi saranno chiuse le fabbriche, tutti i negozi che non vendono generi di prima necessità, gli studi professionali, i cantieri, le attività all’aperto  e gli alberghi.

Inoltre anche i giochi d’azzardo hanno avuto la sua epurazione, infatti l’Agenzia per le Dogane e i Monopoli ha sospeso tutte le lotterie (il Lotto, il Superenalotto, le slot machines ecc.)

Per  fortuna, prosegue Conte: “Non c’è alcun motivo  di fare scorte esagerate, perché resteranno aperti i supermercati e tutti i negozi che vendono generi alimentari, inoltre non chiuderanno le  farmacie, i tabaccai, i mezzi di trasporto pubblico continueranno a girare, gli  uffici postali, le  banche e ovviamente gli ospedali e le forze dell’ordine”.

E in fine conclude: “La nostra è di una decisione difficile ma necessaria. Lo Stato comunque c’è. Uniti ce la faremo“.

Gli italiani attoniti ed impotenti, soffrono e sperano che  queste drastiche decisioni possano debellare l’atroce coronavirus e fare di nuovo germogliare la nostra nazione.

Ecco il discorso del Presidente Conte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *