Presenti anche due bande italiane

Di Ermanno Eandi

Il blues, la magia di una musica calda e roca che non perdona, riecheggia nell’anima e ci porta nel luogo magico degli Stati Uniti del sud, dove il Mississippi lambiva e scorreva lento e ascoltava la inebriante musica che toccava il cuore.

Si sta avvicinando l’evento blues più importante su scala mondiale, ovvero la 36° edizione dell’International Blues Challenge organizzato dalla Blues Foundation  che si terrà a Memphis nel Tennessee dal 28 Gennaio al 1 Febbraio 2020.



La celeberrima Beale Street con i suoi tanti live club si riempirà di gente, colori e suoni ad ospitare artisti provenienti un po’ da tutto il mondo per accedere alla serata finale dell’Orpheum Theatre. A rappresentare l’Italia dopo due finali ricche di emozioni nel contesto di Delta Blues di Rovigo e del Pordenone Blues Festival, sono stati annunciati i nomi dei selezionati: i Superdownhome per la categoria solo/duo, e dei Boogie Bombers per la categoria band, che si confronteranno a viso aperto con il meglio dell’attuale panorama blues mondiale.


Le selezioni italiane sono state organizzate da una collaborazione che vedeva presenti oltre allo storico Delta Blues di Rovigo (co-ideatore dell’evento assieme a Rootway e il Blues Magazine) anche la partecipazione del Pordenone Blues Festival con l’obiettivo di promuovere il blues nostrano che ormai non ha nulla o quasi da invidiare a quello europeo o proveniente addirittura dagli Stati Uniti dove si respira la vera aria del blues.

Un grande “in bocca al lupo”,  agli artisti che rappresentano la nostra nazione in una kermesse fondamentale per la musica blues.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *