Due giorni di sfide con le Regine dello sci  

Di Lorenzo Ciravegna

La Coppa del Mondo di Sci Alpino Femminile ritornerà a Sestriere il 18 e 19 Gennaio 2020, grazie al supporto della Regione Piemonte ed al fondamentale ruolo della FISI (Federazione Italiana Sport Invernali) nell’ambito della stesura dei calendari internazionali, le montagne olimpiche e le piste della Vialattea saranno nuovamente protagoniste.

Dopo il successo dell’edizione del 2016, le atlete migliori al mondo si sfideranno sulla pista dei grandi eventi sportivi, la mitica Kandahar (pista Giovanni Alberto Agnelli).  Nella prima giornata è in programma un gigante femminile mentre nella seconda giornata un gigante parallelo femminile, un nuovo format di gara inserito quest’anno in alcune tappe del circuito che saprà sicuramente suscitare sia grande attesa, sia curiosità di assistere al confronto diretto tra le atlete.

Al di là dell’aspetto prettamente agonistico, Sestriere, come già avvenuto nelle precedenti edizioni, si sta preparando ad accogliere le atlete con un ricco programma di attività collaterali in grado di coinvolgere il maggior numero di appassionati di montagna e di sport invernali. L’evento sarà inserito in un contesto di grandi festeggiamenti che animeranno l’intera località, dal parterre di arrivo alle vie del paese, dalle piazze ai locali, si potrà condividere la gioia e l’emozione di seguire da vicino le atlete durante tutto il week end di competizioni.

L’ultimo appuntamento a Sestriere con le atlete del Circo Bianco risale all’edizione di dicembre 2016 con un gigante ed uno slalom femminile. In quell’occasione le atlete hanno saputo regalare grandi emozioni ai numerosi tifosi accorsi nel comprensorio della Vialattea per assistere alle gare: la nostra Sofia Goggia è salita sul secondo gradino del podio di gigante, alle spalle della francese Tessa Worley, mentre la regina indiscussa dello slalom è stata la statunitense Mikaela Shiffrin.

Citiamo solo alcuni numeri che ci offrono un’idea della macchina organizzativa che sta alle spalle di un evento come la Coppa del Mondo. La preparazione della pista per l’edizione del 2016 di Sestriere, in occasione del gigante e dello slalom femminile, può essere così schematizzata: 155 ore di produzione neve, 30.000 metri cubi di acqua utilizzata, 75.000 metri cubi di neve prodotta, 450 ore di battitura piste e 7 km di reti di protezione a servizio della pista stessa.

Sestriere rappresenta sicuramente una tappa tradizionale del Circo Bianco, è infatti una delle località sciistiche che ha ospitato il maggior numero di edizioni di Coppa del Mondo. Fin dalla prima stagione in cui nacque il prestigioso circuito di gare, Sestriere ebbe l’onore di ospitare una delle prime tappe, nel lontano 3 marzo 1967. In quell’occasione fu Jean Claude Killy a vincere la discesa libera maschile sulla mitica pista Kandahar Banchetta mentre, in campo femminile, salirono sul gradino più alto del podio Giustina Demetz e Marielle Goitschel, a pari merito. Non dobbiamo dimenticare però che Sestriere già prima della nascita del circuito di Coppa del Mondo è anche stata sede delle leggendarie competizioni internazionali dell’Arlberg-Kandahar, organizzate dagli inizi degli anni cinquanta.

Sestriere, nel suo lungo percorso agonistico, ha organizzato 63 gare di Coppa del Mondo, senza contare i Campionati Mondiali del ’97 e senza dimenticare  le Olimpiadi di Torino 2006, trampolino di lancio turistico per la Citta di Torino. Sestriere ha alle spalle oltre 50 anni di storia che hanno incoronato i più grandi campioni dello sci mondiale, chissà chi sarà la futura campionessa 2020, della coppa del mondo di sci alpino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *