“rivivere l’ antico, costruire il moderno”

di Vittoria Adamo

La Mostra su  Andrea Mantegna: “rivivere l’ antico , costruire il moderno. è l’evento dell’anno nella capitale sabauda, iniziata il 12 dicembre 2019 si protrarrà fino al 4 maggio 2020 e sarà visitabile a Palazzo Madama di Torino.

Andrea Mantegna (Isola di Carturo 1431 – Mantova 1506), uno dei più importanti artisti del Rinascimento italiano, in grado di coniugare nelle proprie opere la passione per l’antichità classica, ardite sperimentazioni prospettiche e uno straordinario realismo nella resa della figura umana.

E’ una mostra ben allestita e ben curata, piacevole da visitare, poiché vengono forniti ai visitatori adeguati strumenti di comprensione dei capolavori esposti con riferimenti storici, ambientali e del contesto culturale dell’epoca di Mantegna.

L’artista del Rinascimento, riesce a far sentire questo passaggio dalla classicità antica alla sua capacità di esaltazione della prospettiva di un corpo nello spazio. Questo è il Mantegna: l’ autore delle splendide nove tele dei Trionfi di Cesare e del celeberrimo affresco della  Camera degli sposi del Castello di San Giorgio di  Mantova commissionata da Ludovico Gonzaga.

 Tutte le opere esposte sono collocate in due momenti e spazi differenti: corte del piano terra con proiezione video e primo piano con esposizione, insieme a delle opere della collezione che furono di ispirazione come i busti d’ epoca romana. 

La mostra è anche occasione per gustare opere della bottega padovana di Francesco Squarcione, suo mentore, di Donatello, di Giovanni Bellini suo cognato. Splendide le tele della Madonna con il bambino . Presentazione al tempio, Madonna con il bambino e i santi Gerolamo e Ludovico di Tolosa del 1454ed inoltre il celebre ritratto del cardinale Ludovico Trevisan, e la Resurrezione di Cristo.

La mostra, promossa dalla Fondazione Torino Musei e da Intesa Sanpaolo, è organizzata da Civita Mostre e Musei.

Il catalogo, comprendente numerosi saggi introduttivi e di approfondimento oltre alle schede scientifiche di tutte le opere in mostra, è pubblicato da Marsilio Editori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *