Se non assegnano lo scudetto alla Juve, devono però revocare anche quello dell’Inter

Di Ermanno Eandi

Marcello Chirico è un noto giornalista sportivo, simpatico e gagliardo, diffonde e difende pugnacemente i  colori della sua integerrima fede bianconera.

Infatti, si definisce un giornalista sensibile che scrive con passione e con obbiettività, un eterno  innamorato dello sport sano con una approfondita conoscenza del calcio.

Con lui cercheremo di capire le prospettive del calcio italiano e la posizione della Juventus rispetto alla ripresa del campionato.

Marcello, ha senso scrivere di sport in questo momento?

Certo! Lo sport e in particolare il calcio è ancora sempre negli interessi della gente.  I tifosi ci sono sempre e sono più agguerriti che mai, specialmente adesso che non si gioca.

Lei è un giornalistica calcisticamente “schierato”, come vive il suo rapporto con i tifosi?

Non è semplice. Essere obbiettivi spesso non paga, perché il tifoso ama solo leggere cose belle sulla sua squadra, se uno fa una critica, anche solo normale, immediatamente ti aggredisce e non accetta la tua posizione, per fortuna non tutti sono così.

Terminerà il campionato?

Vogliono farlo ricominciare a tutti i costi, perché ci sono alti interessi economici. I signori del calcio sono molto potenti, molto presuntuosi e molto arroganti e credono di essere padroni dello sport. In più vorrei ricordare che i calciatori sono  uomini e non cavie da usare per il loro tornaconto.

Non sarebbe più giusto annullare il campionato e dare lo scudetto a chi attualmente è in testa?

Io non ho mai amato le vittorie a tavolino. Pensi che già da piccolo detestavo il lancio della monetina. L’unico verdetto che apprezzo è quello del campo, quindi il campionato sarebbe da annullare e questo scudetto, come bianconero, lo rifiuterei.

Però nel 2006 lo scudetto è stato comunque assegnato…

Quello è stato uno scudetto di cartone e io lo scudetto di tampone non lo voglio. Quindi se proprio si dovrà assegnare è giusto che lo prenda la Juve, anche se non mi piace. Però nel caso che quest’anno non si assegni nessun scudetto, io vorrei che fosse revocato anche quello dei nerazzuri del 2006, perché  non avrebbero meritato il tricolore sulla maglia.

Un messaggio di speranza a tutti i tifosi italiani?

Di tornare a vivere, di tornare a giocare e di ritornare liberi senza avere l’angoscia del coronavirus.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *