L’aroma di caffé a Torino

Di Ermanno Eandi

Tutto il magico mondo dei profumi, degli aromi, della tostatura che ruotano attorno a una preziosa bevanda, che tazzina dopo tazzina ha sedotto l’Italia e il mondo: il caffè.

Città simbolo del caffè è sicuramente la capitale sabauda, che oltre ad avere nel suo territorio le maggiori aziende del settore, possiede anche dei prestigiosi caffè storici e quindi pare consequenziale che a Torino ci sia dopo il Salone del Libro anche il Salone del Caffè.

Turin Coffee, giunto alla sua seconda edizione, dall’8 al 9 giugno, delizierà gli amanti dell’eccitante bevanda, in piazza Carlo Alberto,.

L’evento è nato su iniziativa di tre eccellenze cittadine, Lavazza, Caffè Vergnano e Costadoro con l’Assessorato al Commercio del Comune di Torino e la To-be Events.
   La manifestazione coinvolge le piccole torrefazioni locali (Antica Torrefazione, Caffè Boutic, Caffè Malabar, Caffè Perrero, Dicaf Ghigo, Hobby Caffè, Il Caffè, Mokabar, Torrefazione Mike) e Sca Italy, acronimo di Specialty Coffee Association, autorità di riferimento per l’eccellenza del caffè a livello internazionale.
L’Edizione precedente ha avuto numeri importanti: 40.000 visitatori, 200 i kg di caffè consumati, per un totale di 28.000 caffè serviti, con 150 litri di latte e 1.000 kg di ghiaccio consumati.

Calcolando che era la prima edizione gli organizzatori sono molto fiduciosi.

Anche per quest’anno la formula non cambia: tutte le degustazioni saranno completamente gratuite, comprese quelle firmate da pastry chef, chef stellati, maestri gelatieri. Tutte le offerte saranno devolute all’Associazione CasaOz.
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *