Il giornalista più amato di Sanremo

Di Andrea Bergamasco

Il 29 febbraio è andata in onda su rai 1 l’ultima puntata di “do re ciack gulp”, la rubrica di spettacolo del tg1, ideata 25 anni fa da Vincenzo Mollica  e da lui sempre curata.

La chiusura della rubrica coincide con la conclusione della carriera giornalistica di mollica: anche per lui è arrivato il momento della pensione!

Mollica, considerato da sempre una delle firme più prestigiose del giornalismo italiano, è nato a Formigine, un piccolo paesino della Romagna. Sin da ragazzo si è appassionato al cinema, ai fumetti e soprattutto, sul piano musicale, alla musica d’autore.

Laureato in giurisprudenza, è entrato in rai nel 1980, collaborando con un altro prestigioso giornalista: Lello Bersani.

Insieme hanno curato i primi servizi televisivi dalla mostra del cinema di Venezia e dal festival di Cannes. È stato anche inviato speciale alla cerimonia degli Oscar di Los Angeles e, a partire dal 1981, anche al Festival di Sanremo dove, dal celebre balcone del Teatro Ariston,
intervistava i vari conduttori e cantanti.

Proprio durante la quarta serata dell’ultimo festival, in previsione del suo prossimo pensionamento, gli  è stato reso omaggio per la sua fulgida carriera dalla coppia Amadeus/Fiorello e da tutto il pubblico del teatro.

Mollica ha collaborato anche con la carta stampata: “La Repubblica”, “Il Messaggero”, “l’Unità ”.

il 9 marzo 2018 è stato insignito dal capo dello stato Sergio Mattarella dell’onorificenza di commendatore al merito della Repubblica Italiana.

Lascia un insegnamento importante ai giovani che vogliono avvicinarsi al mondo del giornalismo: onestà, competenza, professionalità, serietà ed un amore smisurato verso il  proprio lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *